B.1 Definizione e significato

La copertura dei bisogni primari ingloba tutte le spese correnti necessarie alla conduzione dell’economia domestica. Queste spese corrispondono, in linea di massima, agli importi raccomandati o agli oneri effettivi. Deroghe a questa regola sono possibili solo nell’ambito della legislazione cantonale o delle presenti norme e devono essere il frutto di una decisione motivata da parte dell’autorità competente.

La garanzia della copertura dei bisogni primari non si basa soltanto sul diritto costituzionale di condurre un’esistenza conforme alla dignità umana, ma fissa contemporaneamente un livello di aiuto standard sul piano svizzero, secondo le legislazioni cantonali in materia di sostegno sociale.

  • La copertura dei bisogni primari comprende:
  • il forfait per il mantenimento (che varia secondo il numero di persone dell’economia domestica, cfr scala di equivalenza al capitolo B.2.2)
  • le spese dell’alloggio (comprese le spese accessorie contrattualmente riconosciute)
  • le spese di base per la salute

A proposito dei bisogni primari e ai costi dell’alloggio, per i giovani adulti valgono delle regole speciali (cfr capitolo B.4).

Contributi minimi all’AVS
Il contributo minimo all’AVS non è considerato una prestazione di sostegno sociale e non è sottoposto all’obbligo del rimborso. Secondo la legislazione federale (art. 11 LAVS e 3 LAI), l’importo minimo AVS delle persone che vivono in condizioni precarie è in effetti a carico della collettività conformemente al diritto cantonale.

Imposte
In linea di principio, né le imposte correnti, né quelle arretrate vengono pagate tramite le prestazioni assistenziali.

Per i beneficiari di lunga durata verrà richiesto un condono fiscale. Per chi invece si rivolge al sostegno sociale per un periodo limitato, sarebbe utile concordare con l’ufficio di tassazione una dilazione o/e, se possibile, un condono parziale.

Potrebbe venirsi a creare una situazione speciale a causa delle quote di reddito da lavoro non computate (cfr. capitolo E.1.2): a partire da un determinato reddito si devono pagare delle imposte che, di regola, possono però essere pagate tramite l’importo non computato.