E.3.1 Rimborso di prestazioni ottenute a pieno diritto

Il ritorno all’autonomia economica delle persone che beneficiano di un sostegno sociale è l’obiettivo prioritario del sostegno. Per raggiungerlo, la COSAS fa le seguenti raccomandazioni:

  • Per principio, nessuna richiesta di rimborso sui redditi provenienti da un’attività lucrativa esercitata dopo il periodo del sostegno.
  • Laddove le basi legali prevedono un rimborso obbligatorio da redditi provenienti da un’attività lucrativa, si raccomanda di applicare un limite di reddito generoso e di limitare la durata dei rimborsi, per evitare di compromettere l’inserimento economico e sociale (H.9).
  • Nessun obbligo di rimborso di prestazioni ottenute allo scopo di promuovere l’inserimento professionale e l’integrazione sociale (franchigia sul reddito, supplemento d’integrazione, prestazioni speciali dettate dalla situazione legato a misure d’integrazione).
  • Lasciare a disposizione una somma adeguata (fr. 25 000.– per le persone sole, fr. 40 000.– per le coppie, più fr. 15 000.– per ogni figlio minorenne) alle persone che, grazie all’acquisizione di beni importanti che aumentano il loro patrimonio, perdono il diritto al sostegno materiale.
    Tali somme lasciate a libera disposizione dovrebbero essere considerate anche quando, dopo l’uscita del beneficiario da un periodo di sostegno, scatta l’obbligo di rimborsare le prestazioni ottenute, a causa dell’acquisizione di ulteriori beni prima della scadenza del periodo di prescrizione definito dal diritto cantonale.